piero   lerda   artista
  home biografia presentazione opere musei recensioni pensiero contatti     mostre 1962-2017 English version  
 
    presentazione G. Cordero I. Mulatero esposizione articoli martinArte    
piero lerda
 
1° Ottobre2009 / 17 Ottobre 2009

Piero Lerda: I teatri della mente
Opere dal 1954 al 1982

A cura di Willy Darko
testi critici di Giovanni Cordero e Ivana Mulatero

 

 
 

 
martinArte di Paola Barbarossa
C.so Siracusa 24a – Torino (To)
Tel. 011 35 24 27 - Fax 011 30 91 323
paolabarbarossa@libero.it

 
piero lerda --

Piero Lerda possedeva molteplici talenti e non solo artistici. Aggiornato sugli scenari culturali contemporanei e divulgatore di  inediti orizzonti internazionali, prima come collaboratore della RAI_TV poi come direttore della Biblioteca dell’USIS (United States Information Service  del consolato americano a Torino) ed infine come docente.

Era  animato da un profondo sapere umanistico, da un’intelligenza creativa e da una sensibilità che lo poneva spesso in anticipo sui tempi circa la riflessione artistica e letteraria. Sapeva  muoversi  con leggerezza sul terreno dell’analisi sociale di cui padroneggiava codici e linguaggi espressivi che gli permettevano di leggere, con acume e perspicacia, la filigrana delle avanguardie artistiche europee e americane.

A cavallo degli anni sessanta, un quarto di secolo prima dell’affermarsi del “medialismo”, si interroga sul ruolo del “fruitore-spettatore” di fronte al nuovo teatro delle figurazioni tecnologiche dell’immagine. Da artista risponde con esiti pittorici che muovono subito l’interesse della critica d’arte più avvertita e competente.

                                                                                         SEGUE...


Giovanni Cordero

.
durante il periodo della mostra verrà proiettato un videodocumento della personale di Piero Lerda - Dal caos al gioco. Opere dal 1948 al 2007 (Filatoio di Caraglio) – video realizzato da Willy Darko in collaborazione con Telegranda Cuneo



ingresso libero
mostra personale arte contemporanea

 

Il titolo “Pagine di diario” non è altro che il riportare, da storico dell’arte, quanto Lerda ha conservato in un appunto in cui pianifica la sua (unica) personale che viene realizzata nel maggio 1962 alla Galleria L’Immagine con quattordici opere esposte (tutti disegni tranne un olio su tela) e una cartella di diciotto disegni. In questo foglietto egli elenca i titoli delle opere che pensa di esporre e li fa precedere dal titolo “Pagine di diario”. Per cui si deduce che la personale era da lui concepita non come verifica di una produzione dell’ultimo anno, ma un primo compendio di quasi dieci anni di attività, intrapresa dopo gli anni di formazione a Caraglio presso Alicandri e dopo il soggiorno a Nizza. L’elenco delle opere, confrontato con quanto riportato sul cartoncino stampato per  accompagnare la mostra e completato dal testo critico di Guasco, presenta alcune conferme e nell’operazione di scavo compiuta da chi scrive per realizzare il primo testo monografico sull’artista, alcuni di quei disegni della personale sono stati ritrovati e documentati nella retrospettiva “Piero Lerda. Dal caos al gioco. Opere dal 1948 al 2007” (presentata al Filatoio di Caraglio nella primavera 2009, a cura di I. Mulatero), come le opere  “Pagina di diario” (1958), “Uomini in trappola” (1961) “Interno Flash” (1961) “Grande specchio” (1962).
                                                                                                        SEGUE...


Ivana Mulatero


orari
lun 15.30 – 19.30
mar-giov 10.00 – 12.30 / 15.30 - 22.00
mer-ven 10.00 – 12.30 / 15.30 – 19.30
sab 16.00 – 19.30

  Scarica l'Invito all'inaugurazione (pdf) >>
  Scarica il Comunicato stampa (pdf) >>

 
PIERO LERDA       Caraglio 1927 - Torino 2007       info@pierolerda.it Sito realizzato e gestito da NT Planet PI 08043440018