piero   lerda   artista
  home biografia presentazione opere musei recensioni pensiero contatti     mostre 1962-2017 English version  
 
 
Predella - Schermo, 1962, china e cera su legno, cm 24x24
 
piero lerda
 
Senza titolo, 1978

Targatocn, 02 Febbraio, 2015
Georgia Museum of Art organizes Piero Lerda’s first U.S. exhibition
The Georgia Museum of Art at the University of Georgia will host the exhibition “Chaos & Metamorphosis: The Art of Piero Lerda” Feb. 14 to May 10, 2015. Lerda’s art draws on his personal experiences growing up in Italy during World War II and his interest in the eternal battle between chaos and order.

                                                                                         SEGUE...



Targatocn, 16 Ottoble , 2012
(C.S.)
A Palazzo Zenobio a Venezia c'è la mostra di Piero Lerda di Caraglio
Ora a Venezia, a breve negli U.S.A, continua il successo di Piero Lerda alla Rassegna Prospettiva Post-Avanguardia

                                                                                         SEGUE...


.

 

Luglio, 2011
(Claudia Borgna)
One night long inside 'La Stanza degli Aquiloni di Piero'
Back from Turin! Piero Lerda: a private artist

                                                                                         SEGUE..

 

Giugno, 2011
(Paola Malato)
UN PENSIERO PER PIERO LERDA


                                                                                         SEGUE...



L’Eracliano. X, 2011
(Giangiorgio Massara )
Mostra personale Galleria Velan Torino ( maggio 2011)
Geometrie del Caos


                                                                                         SEGUE...
 

 

30 ottobre 2010
(Monica Ammirati)
L'arte delle Nuove Caverne


                                                                                         SEGUE...



30 ottobre 2010
(Marilina Di Cataldo)
PIERO LERDA, LO SPIRITO LIBERO DI UN ARTISTA

                                                                                         SEGUE...


 

 

Juliet n.148 - Giu. 2010
(a cura di F. Fabris)
PIERO LERDA

                                                                                         SEGUE...


Art and History Department: McDANIEL COLLEGE
(Westminster, Maryland)
MIXED MEDIA COLLAGE: VISUAL POETRY
Professor LINDA VAN HART

                                                                                         SEGUE...


 

 

Corriere dell'Arte, 16 Ottobre 2009, N.31, p.9

L'eredità di un maestro del Ventesimo secolo



                                                                                         SEGUE...

TORINO Magazine, Autunno 2009, N.90, p.6-7

I teatri della mente



                                                                                         SEGUE...


 

 

TORINO Magazine, Estate 2009, N.89, p.176

Frammenti d'infinito



                                                                                         SEGUE...


 

www.targatocn.it, Lunedì 20 aprile 2009

Caraglio: al Filatoio, storia di arte e di aquiloni

Piero Lerda era un costruttore di aquiloni. I bambini, nel vederli così grandi e colorati, non potevano che essere felici. Ne costruì talmente tanti che il poderoso catalogo della mostra allestita al Filatoio di Caraglio fatica oggi a contenerli. E si pensi poi che meno di un quarto dei suoi progetti (veri e propri bozzetti racchiusi in teche vetrate per proteggerli dalla polvere) è confluito nei locali espositivi. ....

                                                                                         SEGUE...

 

Giovanni Cordero, Giovedì 2 aprile 2009

PIERO LERDA: FRAMMENTI DI INFINITO

Personalità colta e rigorosa ma appartata. Un artista discreto e schivo, fuori dai circuiti e dalla ribalta di un mercato confuso e frenetico. Aggiornato testimone e protagonista di mezzo secolo di eventi artistico-culturali.:Nel percorso artistico e intellettuale di Piero Lerda si coniugano concentrazione e autorevolezza, rigore e ispirazione compositiva, fuoco interiore e nobile saggezza. ...

                                                                                         SEGUE...


 

Il Saluzzese, Venerdì 27 marzo 2009

“Luoghi oltre gli spazi”
Uno spirito libero e grande

Il 28 febbraio scorso è stata inaugurata al Filatoio di Caraglio la mostra “Piero Lerda. Dal Caos al gioco. Opere dal 1948 al 2007”: un’interessante rassegna pittorica di un artista caragliese, poco noto, deceduto a Torino nel 2007, curata da Ivana Mulatero. ...

                                                                                         SEGUE...


 

 

Walter “Wale” Liniger,
PIERO LERDA’S FLIGHTS OF FANCY                       SEGUE...
Organizing Chaos


Lothar Hoennighausen
Piero Lerda’s Metaphisical Painting                     SEGUE...


Elizabeth Hayes Turner
In memory of Piero                                                    SEGUE...

La Stampa (Nord Ovest), Venerdì 27 febbraio 2009

Caraglio. Domani apre l’antologica
“Dal caos al gioco”. Ricordando Lerda l’arte diventa libertà

A poco più di un anno dalla scomparsa, un’ampia mostra antologica ricorda la figura e l’esperienza pittorica di Piero Lerda, nato a Caraglio il 29 aprile 1927, morto il 14 novembre del 2007. E proprio nella sua città, negli ambìti spazi de “Il Filatoio”, si inaugura domani alle 17 l’esposizione “Piero Lerda. Dal caos al gioco. Opere dal 1948 al 2007”, curata da Ivana Mulatero . Organizzata dall’Associazione Culturale Marcovaldo, presieduta da Fabrizio Pellegrino, in collaborazione con La Regione ed il Comune di Caraglio, questa rassegna permette di ripercorrere le fasi di una vicenda che appartiene alla cultura visiva piemontese e non solo....

                                                                                         SEGUE...

 

La Stampa, Sabato 28 febbraio 2009

“Piero Lerda dal caos al gioco”

“Fare cose d’arte è un modo per conoscere questo granello d’universo nel quale ci è dato di vivere”, ha scritto nei suoi appunti Piero Lerda. Il pittore nato a Caraglio nel 1927, e morto nel 2007, a cui oggi Il Centro Sperimentale per le Arti Contemporanee dell’Associazione Culturale Marcovaldo dedica una retrospettiva. Centoventi opere, dal 1948 al 2007, raccontano il suo appassionato percorso artistico nella Sala delle Colonne del Filatoio di Caraglio che ospita la mostra “dal Caos al Gioco” allestita da Ivana Mulatero- “ E’ grazie a lei che si fa questa rassegna- sottolinea Valeria Gennaro Lerda, vedova dell’artista- ha studiato con precisione l’opera di mio marito e l’ha catalogata, ricostruendo il suo percorso intellettuale, ...

                                                                                         SEGUE...


 

L'UNITA'  -  Giovedì 3 maggio 1962
Di Scroppo

A Torino
Arti figurative: Guerreschi alla "Bussola"  Lerda all' "immagine"

Pietro Lerda è alla sua prima personale : lo tiene a battesimo con una esauriente introduzione Renzo Guasco, che ha guardato nei fogli e nei quadri, ma soprattutto ha interrogato l'artista per rilevarne le ragioni della sua visione poetica.
Ci pare pertinente e opportuno discorrere di luce per il disegno di Lerda, che ama fare risalire la sue emozioni pittoriche alle occasioni quotidiane  e realistiche dei lampi di magnesio, degli schermi televisivi e cinematografici, dei fari accecanti di notte sulle autostrade. 
Il suo muoversi dalla natura alla pittura concede tuttavia poco, e per lontane assonanze, alla brutalità del reale; ma guarda con ossessione alla resa della forma finale, procedendo alla sintesi delle luci e del nero come alle adozioni di sapienti , tecnicissimi, che fanno viva la sua pagina.


STAMPA SERA  -  Giovedì 3 – Venerdì 4 Maggio 1962
Di An.Dra.

Mostre d’arte: dalla letteratura alla pittura

Pietro Lerda che, dopo aver conseguita la maturità artistica, si è aureato in lingua e letteratura straniere, si può dire abbia solennizzato il suo trentacinquesimo compleanno (nacque a Caraglio il 29 Aprile 1927) con questa prima mostra personale allestita nella piccola galleria dell’Immagine, in via cernaia.
Le diverse esperienze culturali che l’hanno tenuto fuori dalla normale partecipazione a tante mostre ufficiali, rivelano d’altra parte un diretto influsso sul singolare suo mondo figurativo, chiarendo non soltanto il lungo approfondimento dal quale nascono, ma anche la continuità d’una visione che d’intelligenza e di cultura si nutre.
Quello di Lerda è infatti un mondo di origine letteraria: attraverso gli autori che l’artista ha studiato con interesse, da Bernanos a Sartre, da Kafka a Camus, per non dire di Beckett e Jonesco, si chiarisce il senso di una tematica che s’affida al lucido razionalismo dei chiusi ambienti (stanze dalle pareti come di cristallo) entro I quali egli introduce l’esistenziale inquietudine del nostro tempo nella rappresentazione d’una solitudine quasi metafisica, ribadita anche dalle più rare immagini di alcuni “personaggi”, tra I quali s’avverte la difficoltà d’un vero colloquio.
La mostra comprende alcuni disegni più antichi (ve ne sono del 1953/54) raccolti in una cartella a disposizione del pubblico, e alle pareti, una quindicina di altre opere del 1960/61, per le quali l’esperienza letteraria può aver offerto non più che un lontano spunto all’artista pronto a sviluppare, con originalità di modi, attraverso una ritmica spazialità, il materiale d’invenzione che non ignorale delicate notazioni del segno e le luminose tonalità di certe efficaci filtrazioni cromatiche.


GAZZETTA DEL POPOLO  -   venerdì 4 maggio 1962
Di Luigi Carluccio

Le mostre d'arte
Pietro Lerda alla galleria l'Immagine

Un solo dipinto ad olio e quattordici disegni ( ed alcuni altri in una cartella a visa, che dimostrano la continuità della particolare visione dell'artista, nato nel 1927 a Caraglio ) ci fanno conoscere per la prima volta con una mostra personale Pietro Lerda. Si entra nel medesimo cerchio della interpretazione esistenziale dei problemi implicati nella presenza stessa dell'uomo in mezzo al creato esteso ormai su dimensioni interplanetarie, che caratterizza altre esposizioni attualmente aperte a Torino: Guerreschi alla Bussola, Crippa alla Narciso, Merz alla Gallerie di Notizie.
Tra tante interpretazioni, questa, di Lerda, è la più delicata direi soffiata e fragile, sia sul piano strumentale che sul piano concettuale, giacchè mi pare che rifletta su misura a piccolo raggio una riduzione letteraria dei termini di tale problema più che la testimonianza diretta e viva di un mondo vivo, nelle sue infinite, dunque, probabilità di essere e manifestarsi. "Gli schermi e gli interi-flash mi appaiono come gli equivalenti delle strutture luce dei teloni del cinema, degli schermi televisivi, dei lampi del magnesio, delle sciabolate dei fari sulle autostrade di notte; come gli interni degli studios cinematografici, dei sets televisivi, dei teatri di posa, dei laboratori scientifici. E' un paesaggio che ci circonda e dentro cui viviamo." dice lo stesso Lerda nel corso della presentazione in cui Renzo Guasco ha acutamente analizzato il tipo di visioni colte di sorpresa, di intuizioni spaziali e figurali cha affiorano quasi casualmente alla superficie, specchiandosi per un attimo nella nostra retina e rivelando un'altra realtà, più segreta, tutta interiore; nella quale le cose e le figure non sono che grumi di esistenza e quasi sempre allarmati; imprigionati, anzi, in una gabbia di luce.

 

AMATORE D’ART  -  Maggio Giugno 1962
Selezione di notizie echi e commenti – Note critiche
Di Ezio Giannotti

Coincidenze: LERDA, GUERRESCHI, PETLIN   Galleria l’Immagine

Amico da molti anni di Pietro Lerda, non posso evidentemente parlare del suo lavoro, dei suoi oggetti, oggi da tutti fruibili, senza istituire cmentalmente un continuo confronto fra I suoi atteggiamenti e modi di vivere, e I prodotti del suo operare artistico.
Non vi è frattura fra questi due stati dell’essere, ma integrazione,  maggiore potenziamento e pienezza. Spesso il suo lavora, come d’altronde il mio, è stato oggetto di dialgo fra noi. Comuni interessi ci legano. Reciprocamente, intuizioni e supposizioni trovano assicurazione, e se non altro, nei casi di incertezza, motivo di dialogo.
Ogni occasione (ora buona consuetudine), sia pure quella offertaci dalla breve passeggiata serale fino alla fermata dell’autobus, da piazza Castello a piazza Solferino, ed oltre, per l’intera durata del percorso, è stata (ed è) sfruttata in tal senso. Conosco, quindi, I problemi che Lerda ha affontato in questi anni, e “quale” il materiale che ha elaborato e “come”, attraverso un paziente e scrupoloso sperimentare. Uno sperimentare, sia chiaro, mai fine a se stesso, e cioè nelle linee della sua evoluzionefenomenologica, ma inteso a realizzare concretamente gli oggetti intuiti, intravisti, e in parte teorizzati, con lucidità e intelligenza.
Sono nate così le serie degli “schermi” e degli “interni-flash”: lastre emulsionate, e schemi-luce rifratta, indicativi di due distinti momenti (riferibili ad una diversa posizione generale) della percezione delle onde luminose e della loro funzione. Poichè la luce (quella artificiale) ha in Lerda una funzione fondamentale: un valore di simbolo per gli aspetti più impersonali e ossessivi del mondo attuale.
Ed è attraverso tale simbolo, inoltre, che egli articola il suo discorso.
Degli “Interni-flash”, in cui la luce scoppia fulminea e abbacinante (l’irruzione brutaledel “pubblico”), investendo I suoi oggetti e svelandoli (l’uomo è una povera cosa violata e “Gli uomini in trappola” ne sono la scoperta trascrizione), agli “Schermi” che la luce isolano, e limitano a un fondo ricostruttore di prospttive, la vicenda dell’uomo espulso dalla realtà per le sue innaturali astrazioni si conclude. E’ un rientro timido, si intende, in punta di piedi. La sua presenza si avverte: si deduce da una certa unità di visione, da abbozzi di maschere, accenni a volume, ma ancora non si configura nelle forme consuete: alcune ipoteche impediscono ancora la sua completa reintegrazione.
In questa direzione si muove Lerda, pienamente consapevole. Quanto me egli sa benissimo che questo problema si pone inequivocabilmente, e richiede, senza ulteriori illazioni, proposte adeguate alla sua risoluzione, con buona pace di tutti I simpatizzanti e I cultori dell’alienazione, e dei professionisti dell’abbandono catartico del gesto, altra for a di rinuncia ad “essere”.
Questo, per lui, a scanso di equivoci, non è unprogramma, ma un’”attesa”, coneguibile sulla base delle premesse fatte, e ricavabile da un contesto più ampio, senza dubbio, di quello strettamente pittorico, ma soltanto nei termini di questo però soddisfacentemente realizzabile.


QUINDICINALE DI ATTUALITA' POLITICA CULTURA
N. 6 – 15 MAGGIO 1962
Di Maripiera de Vecchis

PIETRO LERDA A “L’IMMAGINE”

(…) Di tutt’altra natura è l’opera del pittore Pietro Lerda che espone all’immagine ed è alla sua prima mostra personale. Renzo Guasco nella èpresentazione tende a sottolineare l’origine e l’ispirazione letterarie dei quadri di Lerda, ispirazione varia che va dagli esistenzialisti Sartre e Camus, alle angosciose visioni di Kafka.
Parlando dei sui disegni il pittore stesso vuol dar loro un contenuto figurativo. Infatti lui dice che sono palcoscenici vuoti su cui nascondono ambigue figure larvali, esseri persi e nascosti tra immaginarie filiformi ipalcature. Io penso invece che le composizioni di Lerda sono composizioni astratte, molto ben organizzate e studiate attentamente, dominate dal senso della luce. I titoli infatti sono significativa: “ Piccolo interno flash” “Grande schermo” ecc. E anche quando sono “Uomo in trappola” o “ Uomini che si arrampicano su una lastra di cristallo”, l’uomo non c’è, neppure come larvale entità surreale. La luce della composizione è accecante, da faro, da neon, luce violenta e artificiale, luce che domina in mezzo ad accortissimi tralicci neri e bianchi posti al lato del disegno come elemanto di contorno al bianco assolutodella luce. Oltre ad un ottima organizzazione  strutturale questi hanno una vera e propria ragione d’essere. L’uomo oggi è immerso in una luce violenta, una luce inumana che lo paralizza, nelle fabbriche, negli uffici, nelle strade delle città, paralizza l’anima dell’uomo nella paura di un mondo tutto costruito, lontanissimo dalla natura. Per forza, per l’uomo oggi non è più la luce del sole che invade le cose, è la luca dei fari, dei flash, del neon che le scopre e le abbaglia snaturando e annullando uomini e cose. Qui e soltanto qui è il vero punto di contatto tra Lerda e la letteratura esistenziale.


 
PIERO LERDA       Caraglio 1927 - Torino 2007       info@pierolerda.it Sito realizzato e gestito da NT Planet PI 08043440018